I Ministri Straordinari

Giugno 30, 2020 Off Di Ilaria Mercurio

Nella nostra Parrocchia abbiamo la fortuna di avere chi svolge il servizio di Ministro straordinario della comunione eucaristica. Ministro straordinario è colui che, secondo la disciplina della Chies Cattolica, è stato assunto al ministero dell’Accolito, sia come tappa nel percorso per diventare diacono sia come scelta definitiva. Tra i requisiti per accedere al ministero, ci sono l’età, che deve essere compresa tra i 22 e i 70 anni e una condotta di vita irreprensibile. E’ inoltre necessaria un’adeguata formazione biblica-teologica-liturgica.

Ogni anno infatti, vengono svolti degli incontri di formazione, a cui i Ministri sono tenuti a apartecepirae. Nella Diocesi di Albano, la celebrazione dell’istituzione dei nuovi ministri straordinari, è presieduta dal Vescovo, nella Chiesa Cattedrale, nella solennità del Corpus Domini.

Attualemnte, nella nostra Parrocchia, i ministri sono circa dieci, e raggiungono tutte le domeniche, al termine della messa delle 10, anziani e malati, per portare loro la Parola di Dio e l’Eucarestia. A volte, accompagnano i sacerdoti anche per le confessioni e per amministrare con l’Olio degli infermi.

E’ importante sapere che, normalmente, quanti seguiti dai Ministri, non muoiono senza Sacramenti. “Portare ad un ammalato l’Eucarestia significa essere presenza d’amore autentico ripetendo il gesto di Colui che ha dato la Sua vita per noi” (Guida liturgico-pastorale Diocesi di Roma).

Sono anche Ministri straordinari coloro che vengono chiamati per aiutare a distribuire la Comunione nelle Messe.

(Foto della Diocesi di Albano)